martedì 21 novembre 2017

Botte di Cool: “Speak Low” [Drycastle Records, 2017]



«Ascoltare musicisti italiani di questa levatura affrontare con amore e rigore la musica di Gerry Mulligan e dintorni ci dice che la conoscenza della storia è l’arma migliore per affrontare con lucidità le contraddizioni del presente». Si chiude così la nota di copertina con la quale Stefano Zenni ci introduce a “Speak Low”, l’album firmato dal quartetto Botte di Cool, composto da Fabio Morgera (tromba e flicorno), Dario Cecchini (sassofoni baritono e soprano), Guido Zorn (contrabbasso) e Alessandro Fabbri (batteria). Una nota che racconta molto di questo lavoro, nel quale si prende in esame una fetta di repertorio che ha segnato la stagione del Cool Jazz, da Mulligan a Paul Desmond, ma anche Parker e Miles Davis. Il quartetto muove in questi territori stilistici proponendo un sound che scaturisce dal pieno relax esecutivo, con il tipico modo di operare dei grandi interpreti del passato, con rigore sì, ma senza percorrere sentieri esclusivamente filologici e mettendo in risalto le singole personalità e i passaggi d’insieme. L’album si lascia ampiamente apprezzare per gli accostamenti timbrici e per l’equilibrio con il quale il quartetto costruisce su un’estetica del passato una personale visione del presente.

Loredana Melodia: “My Sea” [AlfaMusic, 2017]

Si determina in un terreno jazz mainstream il nuovo album della cantante e compositrice Loredana Melodia, che per l’occasione si avvale del lavoro svolto in fase di arrangiamento da Giuseppe Vasapolli. In scaletta troviamo originali nei quali si esaltano le doti vocali della leader, che evidenzia un timbro “lucido”, cambia registro su movenze scat e interagisce in maniera continua con il resto della band, che vede in line up anche il sassofono tenore di Marco Ferri e il pianoforte di Renato Chicco. Tra gli ospiti del progetto spicca Stjepko Gut, alla voce, tromba e flicorno nella traccia Metropolitan Mood-Back To The City della quale firma lo spartito, mentre nel booklet troviamo i complimenti di Sheila Jordan, che definisce la cifra espressiva ed estetica di Loredana Melodia come quella di un «very talented».

venerdì 17 novembre 2017

Marco Tuma: “La vita semplice” [Dodicilune, 2017]



È il suono dell’armonica cromatica di Marco Tuma, per l'occasione all’esordio nelle vesti di leader, uno degli elementi distintivi del suo album “La vita semplice”, realizzato con musicisti che concorrono a formare uno scenario timbrico diversificato, nel quale confluiscono chitarra, violoncello, pianoforte, contrabbasso, voce recitante, batteria e inserti di soprano, flauti e glockenspiel. Perlopiù originali i dieci brani in scaletta rimandano ad atmosfere raccolte, nelle quali al centro degli sviluppi espressivi troviamo la cantabilità melodica dei temi, e la sensazione di melanconia tipica dell’area stilistica della musica brasiliana, omaggiata con cover di Antonio Carlos Jobim e Vinícius de Moraes (Eu sei que vou te amar) e Baden Powell (Samba em preludio).